Terramex MSX un vero capolavoro

Alessandro Tiso Conversioni Follie News Msx News T Videogame

Io credo di essere l'unico amante MSX del pianeta a difendere a spada tratta capolavori occidentantali per questa macchina in barba a tutti i fanatici nippo-nerd che ci sono in giro....è vero, i giochi giapponesi per MSX erano fluidi, senza sbavature, giocabilissimi, ben fatti, sfruttavano appieno le potenzialità della macchina ma....io ho un legame con alcuni giochi occidentali che va ben oltre le pretese da Coin-op a tutti i costi di certi adoratori del Gioco Giapponese. Abbiamo avuto negli anni 80 in Europa dei programmatori che hanno cambiato la storia dei videogame con idee geniali, con la creazione di nuovi generi, persone che magari non hanno usato il bisturi nella scrittura dei codici ma ci hanno fatto divertire e ci hanno stupito con giochi che non volevano affatto somigliare a quelli giapponesi ma che in alcuni casi non avevano nulla da invidiare in quanto a divertimento, chissenefrega se gli sprite erano trasparenti, a chi importa se c'era qualche problema di colour clash, scatti e lentezze, sfarfallii ecc. quando un gioco ti riempie le giornate ben venga! In Europa i programmatori a differenza dei Giapponesi puntavano piu' a stupire con il dettaglio grafico che con fluidità e colori, a mio avviso era semplicemente un modo diverso di interpretare i giochi, l'MSX veniva sfruttato per il dettaglio grafico a discapito di tutto il resto ma ciò non toglie che venissero sempre fuori delle porcherie, lo abbiamo visto con i giochi isometrici (batman, Knightlore ecc.), con i giochi Gremlin (Jack The Nipper, Krakout ecc.) e anche con qualche gioco Spagnolo dalla grafica sorprendentemente dettagliata.
Ho passato anni ad informarmi sulla vita, lo stile ed i lavori della maggior parte dei programmatori europei perchè sarà pure vero che i giochi nostrani non erano all'altezza di quelli giapponesi, ma hanno tanto da raccontare, spesse volte nascondono un'atmosfera, uno spessore, delle sensazioni che ci raccontano un po' anche lo stato d'animo di chi li ha realizzati, le loro fantasie, la loro creatività ecc. al contrario a volte ci si trova davanti a capolavori nipponici che non ci lasciano nulla se non la freddezza svizzera e la perfezione maniacale di un qualsiasi TOSHIRO CAZZAROLA di cui nessuno ha mai voluto farci sapere assolutamente nulla!
Tornando al giochino che mi è venuto in mente stavolta, i suoi creatori dovrebbero diventare patrimonio dell'Unesco, in quanto trattasi di un trio di veri e propri Geni, il gioco in questione è TERRAMEX per Msx (Cosmic Relief), creato da PETER HARRAP (vi dice qualcosa Monty Mole, Bounder, Trailblazer, Jack The Nipper?) , Shaun Hollingworth ( lui è stato uno dei maggiori programmatori di importanti conversioni per Sega Master System e Megadrive, tra le sue piu importanti conversioni troviamo: Prince of Persia, Pitfall, Mortal Kombat 2, Marble Madness ecc.) e alla fine il grandissimo BEN DAGLISH che non ha bisogno di presentazioni, si può dire che la musica digitale l'ha inventata lui, vi ricordo un solo gioco tra le decine di suoi successi...720°.....e ho detto tutto!
Terramex non è il miglior gioco realizzato da Harrap e co, ma sicuramente una nota di merito spetta alla versione MSX, che seppur scattosa aveva una grafica ed una colonna sonora davvero incredibili che, nonostante le limitazioni, non sfiguravano nemmeno di fronte alla versione Amiga. L'audio di Terramex su Msx era polifonico e ricco di effetti speciali. Terramex è la storia di un professore che deve recuperare degli oggetti che aiuteranno la terra a salvarsi da un imminente meteorite, io l'ho finito un sacco di volte e mi acchiappava tantissimo, in oltre a mio avviso è stato uno dei capostipiti dei moderni object adventure.


Articolo più vecchio Articolo più recente


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati